Le cinque personalità finanziarie: in quale ti riconosci?

personalità

Ognuno di noi ha una personalità principale con la quale affronta il corso degli eventi. Quando si tratta di gestione del denaro però le cose cambiano.

Le abitudini finanziarie delle persone sono varie e, secondo quanto simpaticamente descritto dagli autori di TheMoneyCouple.com, esistono cinque tipi di personalità finanziarie. Vediamo in quale di queste versioni “rivisitate” ti riconosci.

  1. Lo spendaccione spendacciona

Il personaggio che meglio incarna questa tipologia di individui è Rachel Green della serie Tv Friends.

Rachel è figlia di un rinomato cardiologo e ha nello shopping selvaggio la sua attività prediletta: fino a quando il padre non decide di bloccarle tutte le carte di credito.

In quanto Spendaccione, esattamente come lei, se ti prestano dieci euro, dopo cinque minuti ne hai bisogno di altri venti.

Possiedi sempre l’ultimo gadget tecnologico appena uscito e sei il primo/a a lanciare le nuove mode.

Hai quattro paia di scarpe da ginnastica perché… “Beh, il primo lo uso quando vado in palestra, il secondo quando vado a correre, il terzo era un modello davvero accattivante, il quarto mi ha convinto il mio amico che ha il negozio sportivo”.

Gli amici ti definiscono una persona dalle “mani bucate”. Spendere i tuoi soldi non è assolutamente un problema anzi, a volte il rischio è opposto, ossia quello di non avere un freno.

Il tuo leit motiv in fatto di acquisti è: “Devo assolutamente comprarlo, mi serve subito!”.

La mano è più veloce del pensiero ed il ragionamento sulla reale utilità dell’acquisto passa totalmente in secondo piano.

Spesso finisci per spendere più del dovuto, ti abbatti un po’ per questa incurabile compulsività…fino all’acquisto successivo, che sana ogni precedente senso di colpa.

 

Il rovescio positivo della medaglia è la generosità. Sei il tipo di persona a cui piace offrire da bere agli aperitivi, o in alcuni casi direttamente la cena. Ami fare regali e hai la propensione ad elargire somme per buone cause o azioni di volontariato.

E’ bello essere amici di questa personalità finanziaria, a cui piace godersi la vita e tutti i suoi frutti. 😉

Il tuo motto è: “Bello, lo voglio subito!”, “Ma ne ha già almeno un paio!”, “Ah…vabbè però è una figata e mi serve!”.

Se ti riconosci in questo tipo di personalità finanziaria, ti consiglio la lettura del libro “Soldi al vento. Perché tante persone brillanti prendono decisioni irrazionali in campo finanziario” di G. Belsky e T. Gilovich., in cui sono descritte le principali trappole in cui incappa la nostra mente nell’utilizzo errato del denaro.

 

  1. Il Risparmiatore risparmiatore

Questa personalità finanziaria è rappresentata alla perfezione da Ebenizer Scrooge, il protagonista di “Canto di Natale”, il famoso racconto di Charles Dickens.

Scrooge è famoso perché odia il Natale, in quanto rappresenta una pausa dal lavoro e dunque un mancato guadagno. Nella storia riceverà la visita di tre spiriti (Natale Passato, Presente e Futuro) che cercheranno di fargli cambiare atteggiamento nei confronti dei soldi, del Natale e della vita.

Come il personaggio di Dickens, anche tu che sei un Risparmiatore ami scovare “affari” nascosti in ogni acquisto. Premessa la generica difficoltà ad entrare in un negozio, se decidi di fare il grande passo, prediligi quelli con le scritte “Offerta” e “Sconti” sulla porta. Il periodo dei Saldi per te è come un secondo compleanno.

Il tuo portafoglio è pieno di coupons per gli sconti e di tessere fedeltà accumula punti.

Se ritieni un’esperienza troppo costosa, il repertorio di scuse per non partecipare è lungo un chilometro, ed il modo in cui le racconti fa invidia ai più grandi attori di Hollywood.

In tasca hai il portamonete, oggetto semi-sconosciuto ai più che perdono i pezzi piccoli nelle tasche dei pantaloni o nelle borse, mentre tu hai in testa esattamente il conto delle monete da 1 cent a disposizione.

 

Dall’altro lato, non sei per nulla una persona materialista e sei capace di trovare modalità molto creative per fare un’esperienza altrimenti costosa.

Sei parsimonioso e in grado di evitare di “buttare” i soldi al vento. Metti da parte somme anche senza un particolare motivo, cosa che ti protegge da eventuali situazioni sgradevoli.

Il tuo motto è: “Sì, ma quanto costa?”

Sono sicuro che il libro “Padrone del tuo denaro. Impara l’autogestione finanziaria dei tuoi risparmi e investimenti” di E. Benettazzo può fare al caso tuo, in quanto ti racconta il tipo di forma mentis da mantenere nell’organizzazione del tuoi soldi, oltre ad alcuni concetti di base relativi ai principali strumenti finanziari da poter utilizzare.

 

  1. Il Ragioniere  ragioniere

Se rientri all’interno di questo tipo di personalità, hai livelli di pianificazione quasi maniacali. Ti metti la canottiera non appena arriva un filo di vento; quando guidi rispetti i limiti di velocità e anche le regole della sicurezza stradale che nessuno conosce, come il dare la precedenza ai pedoni sulle strisce ;-).

Il personaggio che meglio ti rappresenta è il Signor Banks, padre di Jane e Michael nel film “Mary Poppins” di Walt Disney. Disciplinato ed organizzato, non ammette deroghe alle regole e la sua vita viene stravolta dall’arrivo dell’imprevedibile e bizzarra governante.

Ti lavi le mani meticolosamente prima di mangiare e, se il meteo mette pioggia, non esci. Oppure esci ma con l’ombrello, l’impermeabile, le scarpe di gomma e… “Poi però torniamo a casa presto, perché non si sa mai!”.

La sicurezza e l’organizzazione sono al primo posto nella scala dei tuoi valori. Sei molto amico/a del Risparmiatore e spesso vi scambiate consigli utili e di reciproco soddisfacimento.

Prima di decidere per un acquisto importante, senti la necessità di compiere una ricerca filologica, semantica, bibliografica ed etnografica, ed anche un articolo su Focus può avere la sua autorevolezza nel guidarti nella tua scelta.

I soldi sono uno strumento che ti aiuta a dare certezze alla tua vita.

Hai più di una cassetta di sicurezza, assicuri in posti diversi i codici dell’Home Banking (magari crei e nascondi anche le indicazioni dei nascondigli stessi) e controlli il saldo del tuo conto corrente con frequenza regolare, “Che poi non si sa mai e non ci si può fidare”.

Preferisci perdere una buona opportunità di investimento, se senti che potresti correre qualche rischio di troppo.

 

D’altro canto, sei una persona molto attenta e meticolosa. Con te vicino non si corre alcun rischio e avrai sempre una rete di sicurezza di fronte a qualsiasi scenario.

Hai sicuramente fatto un’adeguata Pianificazione Finanziaria.

Non facendo mai il passo più lungo della gamba, sei una persona affidabile su cui poter contare in qualsiasi momento.

Il tuo motto è: “Ma siamo sicuri?”

Secondo me è già presente nella tua libreria, ma se ti riconosci in questa personalità finanziaria, non puoi non avere il manuale “Il consulente finanziario della famiglia. Casa e mutui. Tasse. Investimenti. Pensioni” di M.Fracaro, che delinea con una certa precisione tutti i passaggi necessari e le nozioni basilari di una gestione precisa e organizzata.

 

  1. Lo Speculatore  speculatore

Se sei in questa categoria, fai parte di coloro che in psicologia vengono definiti high-sensations-seekers, che tradotto significa “ricercatori di emozioni forti”.

Ti troviamo all’opposto rispetto ai Ragionieri e sei ben rappresentato dal personaggio interpretato da Vittorio Gasmann nel film “Il sorpasso” di Dino Risi. L’attore romano è un guidatore spericolato a cui piace correre i rischi della vita per provare qualche brivido di soddisfazione.

Allo stesso modo, tu paragoni il guadagno dei soldi ad una caccia all’avventura.

Sei tra coloro che vanno a fare Bunjee Jumping o che si lanciano con un paracadute.

Ti piace scommettere continuamente su tutto. “Venti euro che non riuscirai a finire di mangiarlo!” “Dieci euro che arrivo a casa prima di te!”.

Al supermercato, quando in gastronomia ti dicono “sono due etti e mezzo, che faccio, lascio?” rispondi “All in”.

Competitivo fino al midollo, ti fidi maggiormente del tuo istinto, piuttosto che dei numeri e delle analisi.

Se ti trovi di fronte ad un potenziale guadagno, non hai alcun problema a correre grossi rischi. E a volte rischi di perdere tutto.

 

Di contro sei una persona vitale, sempre pronta a provare cose nuove ed elettrizzanti.

Hai un ottimo “sesto senso” e sei capace di cogliere le opportunità, quando queste si presentano.

Sei coraggioso e puoi arrivare ad accumulare una certa ricchezza.

Il tuo motto è “Scommetto che…”

Se ti sei riconosciuto almeno in parte in questo personaggio, è d’obbligo la lettura del libro “La grande scommessa” di M.Lewis, da cui hanno tratto anche un film. È il racconto di come alcuni traders di Wall Street si sono accorti dell’imminente crollo di borsa del 2008 e ne hanno tratto profitto, scommettendo contro il sistema.

 

  1. Il Rilassato  rilassato

Se sei tra i rilassati, sei un po’ come Drugo, il protagonista del film Il Grande Lebowski dei fratelli Coen. Coinvolto in atti criminali, picchiato e ricattato, sembra non farsi troppi problemi sugli eventi che lo circondano.

Allo stesso modo tu, cascasse il mondo, caschi sempre in piedi.

Difficilmente hai preoccupazioni serie e puoi portare all’esaurimento nervoso il Ragioniere di turno.

Spesso in ritardo ad un appuntamento, quando ti presenti sei senza cellulare, senza soldi, senza chiavi di casa e probabilmente non ti ricordi neanche perché sei venuto.

Per te la “suina” rimane la sagra di maiale del paese di provincia. Ti ritrovi frequentemente con una macchia sulla maglia di cui non ti eri accorto e, puntualmente, i tuoi amici ti apostrofano con un: “Ma daai suu! Ma come si faaa!”.

La tua attenzione al denaro è praticamente pari a zero, “Anzi se lo potessimo eliminare del tutto mi togliereste l’impiccio di doverci fare attenzione, grazie”.

Per te i soldi non rappresentano nulla di più che il mezzo per pagare le cose. Sicurezza finanziaria, status symbol, patrimonio, sono tutti concetti che non prendi neanche in considerazione.

Potresti essere contento/a con tanto o con poco denaro e ritieni che i Risparmiatori e i Ragionieri siano un po’ dei fissati ossessivi.

 

Di converso, per te il denaro non rappresenta un’ossessione. Sei abituato a condividere e il significato di possesso è molto sbiadito nella tua mente.

Sei interessato/a ai rapporti umani più che alle cose e non giudichi le persone in base alla grandezza del conto corrente o al numero di macchine parcheggiate in garage.

Il tuo motto è: “A che ora avevamo detto?”

Proprio per questa visione più “umanista” della vita, penso che per te il libro “Spiriti animali. Come la natura umana può salvare l’economia” di G.Akerlof e del Premio Nobel R.J.Shiller sia perfettamente adatto. Parla di come la natura umana, tramite le emozioni, si manifesta nei comportamenti legati al denaro.

 

Qui si chiude la descrizione di queste cinque personalità finanziarie. Teoricamente, secondo quanto descritto dagli autori di queste definizioni, ognuno di noi dovrebbe avere una personalità primaria che ha il controllo sui nostri comportamenti ed una secondaria che “smussa gli angoli”.

 

E tu quale personalità finanziaria sei? In quale di questi cinque personaggi ti riconosci? Raccontami nei commenti un episodio caratteristico che hai vissuto o a cui ti è capitato di assistere.

Se vuoi rimanere sempre aggiornato e imparare a gestire al meglio il tuo denaro iscriviti alla newsletter MyPecunia e scarica gratuitamente il Report per cominciare ad investire.

SCARICA ORA IL REPORT GRATUITO

2 comments

  1. La mia personalità finanziaria dominante è il risparmiatore quella secondaria il ragioniere che se prevale mi blocca quando devo fare scelte importanti che riguardano opportunità di crescita in ambito lavorativo a causa dei troppi ragionamenti quella che Robert Kiyosaki definisce paralisi da analisi se non erro.
    Complimenti per il blog molto ben strutturato e ricco di nozioni e articoli molto interessanti.

    1. Ciao Valentino, ti ringrazio!
      Bravo, vedo che sei preparato. Direi che non sei messo male, due personalità che di sicuro ti aiutano molto.
      Se vuoi cogliere qualche opportunità in più devi solo fare pratica, magari cominciando da qualcosa di piccolo.
      Vedrai che fare qualche “piccolo errore” ogni tanto può insegnare molto di più di tante profonde analisi. Pensaci!

Lascia un commento