Chi è il Consulente Finanziario Indipendente

consulente-finanziario-indipendente

Il Consulente Finanziario indipendente è una figura che esiste nel panorama italiano da almeno una decina d’anni, anche se è stato regolamentato ufficialmente soltanto di recente. Vediamo chi è e perché è la soluzione migliore quando dobbiamo occuparci della gestione del nostro denaro.

Non so tu, ma io sono cresciuto con l’idea che il luogo in cui si gestisce e si parla di denaro è la Banca.

Naturalmente, non sto parlando soltanto del posto in cui si trovano i nostri risparmi.

Quello che intendo dire è che gli Istituti Finanziari sono sempre stati il punto di riferimento per tutte le persone che avessero bisogno di un consiglio o di un aiuto sull’organizzazione e gestione del loro denaro.

Eppure qualcosa non quadra.

Diversi studi (OECD, 2005; PattiChiari & The European House-Ambrosetti, 2008 e 2010, Banca d’Italia, Supplementi al Bollettino Statistico, Febbraio 2010; BNL-Centro Studi Einaudi, 2009) hanno dimostrato la nostra tendenza ad avere un atteggiamento ostile nei confronti del sistema bancario in generale, dovuto a scandali recenti e passati e ad una generale perdita di fiducia e di stima.

Nonostante ciò, il livello di soddisfazione nei confronti della Banca personale presso cui teniamo i nostri soldi, risulta ancora sufficientemente alto.

La principale motivazione di questa apparente incongruenza risiede, in primo luogo, in un fattore di tipo culturale e in secondo luogo, nel rapporto personale che abbiamo con le persone che lavorano in Banca.

Da un lato, infatti, essendo il generale livello di educazione finanziaria poco elevato, le persone tendono a temere alcuni argomenti e a non desiderare di approfondirli personalmente, delegando quasi in toto ad altri.

D’altro canto, ci fidiamo maggiormente di un’informazione data da un parente o un amico, piuttosto che di una fonte autorevole in materia. Spesso, nei confronti della nostra Banca, abbiamo la sensazione di conoscerla e di avere con essa un rapporto diretto e privilegiato; un po’ come andare nel supermercato sotto casa o dal fornaio di fiducia: dopo tanti anni che li frequentiamo pensiamo di conoscere chi abbiamo di fronte, no? Se, in aggiunta a ciò, c’è un rapporto di amicizia o di parentela con la persona che si occupa del nostro denaro, il nostro pensiero è che non incorreremo in alcun pericolo, giusto?

IL CONFLITTO D’INTERESSI

In realtà lo scenario reale presenta alcune complessità che è bene affrontare, per fare chiarezza e comprendere che esiste un fenomeno di cui pochi sono a conoscenza e che incrina alla base quanto appena descritto.

Sto parlando del conflitto di interessi che si nasconde dietro il servizio di contemporanea vendita e consulenza che viene prestato dalle Banche.

Il sistema bancario, come sappiamo, offre una vasta gamma di prodotti finanziari e assicurativi alla propria clientela.

A volte si tratta di prodotti creati dalle Banche stesse, altre volte da società esterne dedicate.

Questo processo però crea un conflitto, in quanto lo stesso soggetto che dovrebbe fare consulenza su un prodotto al cliente, è contemporaneamente anche colui che lo vende. E’ un po’ come se chiedessimo al pescivendolo se le sue trote sono buone. Naturalmente risponderebbe di sì, considerato che ce le deve vendere.

Nafop

Sul sito di Nafop, l’associazione dei Consulenti Finanziari Indipendenti, il conflitto d’interesse è descritto molto bene. Ecco di seguito la sua definizione:

Nel mondo finanziario, la vendita di un prodotto implica il trasferimento al cliente di rischi e commissioni: più alto è il livello di rischio trasferito, maggiori sono le provvigioni che vengono incassate da chi ha creato e da chi ha collocato il prodotto.

Ad esempio, i derivati strutturati venduti ad aziende, pubbliche amministrazioni e privati, hanno un contenuto commissionale superiore a quello di un fondo azionario, che a sua volta è più alto rispetto a quello di un fondo obbligazionario, che a sua volta è superiore a quello di un fondo monetario e così via.

Gli investitori, che spesso hanno difficoltà a comprendere i prodotti presenti all’interno del proprio portafoglio, non hanno piena consapevolezza del rischio insito negli investimenti.

Il consulente o la società di consulenza Fee-Only (a parcella), grazie all’indipendenza e alla competenza che li contraddistingue, assiste il cliente anche nel riequilibrio dei rischi presenti negli investimenti che compongono il suo patrimonio.

Proprio per sanare questa complicata situazione è nata, anche in Italia, una nuova figura professionale, il Consulente Finanziario Indipendente, una figura priva di conflitti di interesse, in quanto la sua remunerazione è a parcella, come un qualsiasi altro professionista.

Gli obiettivi del cliente e del consulente sono quindi allineati, considerato che quest’ultimo ha tutto l’interesse che la situazione finanziaria del suo cliente sia in ordine e proficua.

Prova ad immedesimarti, se ciò non avvenisse, cosa faresti? Probabilmente smetteresti di avvalerti della sua consulenza.

Questo professionista è l’ideale per tutti coloro i quali hanno bisogno di aiuto per fare un’adeguata Pianificazione Finanziaria e organizzare il proprio denaro, o anche solo banalmente per qualche consiglio pratico.

Vediamo nello specifico di cosa si occupa e come può fare al caso nostro.

IL CONSULENTE FINANZIARIO INDIPENDENTE

Consulente Finanziario Indipendente

Come dicevamo, il Consulente Finanziario Indipendente non ha alcun legame con Banche, Istituti di Credito, Società finanziarie o Società prodotto.

Effettua l’attività di consulenza su risparmi, investimenti e assicurazioni a fronte di una parcella, chiara e trasparente. In questo modo il cliente sa sempre esattamente quanto paga e per quali tipologie di servizi.

Questo professionista non è soltanto colui che consiglia quale strumento finanziario comprare, o quale polizza assicurativa sottoscrivere.

Il suo compito è quello di accompagnare il cliente nella creazione della sua Pianificazione Finanziaria a 360°.

Oltre a ciò, aiuta il cliente ad impostare il piano d’azione e, in un secondo momento, a metterlo in pratica.

Nel caso in cui siano da effettuare aggiustamenti, lui è presente e si occupa di rivedere e sistemare quanto concordato e pianificato in precedenza.

Questo professionista ha competenze trasversali e conosce a fondo i vari prodotti e servizi sul mercato. Per questo motivo, il Consulente Finanziario Indipendente è in grado di dare dei consigli mirati e appropriati, sulla base delle esigenze specifiche del cliente.

Uno dei suoi primi compiti è mostrare i cosiddetti “costi occulti”, ossia quella base di spese nascoste all’interno dei vari prodotti offerti dagli Istituti di Credito, che normalmente non vediamo poichè non sono riportati nei documenti informativi.

Del resto, non penserai certo che la consulenza in banca sia gratuita, no? Semplicemente il costo viene inserito all’interno del prezzo del prodotto “consigliato” e poi venduto.

Facciamo un piccolo parallelismo.

Se hai bisogno di aiuto per quanto riguarda le tasse da chi vai? Da un commercialista o da un sindacato.

Se vuoi costruire o ristrutturare casa a chi ti affiderai? Ad un architetto o ad un ingegnere.

Se hai bisogno di dirimere una questione legale a chi ti rivolgi? Ad un avvocato o ad un notaio.

A meno che tu non sia uno dei summenzionati professionisti, non credo riusciresti ad affrontare le varie situazioni da solo.

Sui soldi vale lo stesso discorso. Abbiamo bisogno di una consulenza seria, precisa e indipendente.

Quando gestiamo il nostro denaro dobbiamo poter dormire sonni tranquilli, perché ci sentiamo gli attori principali delle scelte che ci riguardano.

Il Consulente Finanziario Indipendente ci aiuta a:

  • Effettuare la Pianificazione Finanziaria;
  • Fare un’analisi del nostro Patrimonio esistente, sfruttato e inespresso;
  • Analizzare la nostra situazione previdenziale ed eventualmente correggerla;
  • Mettere a punto un’adeguata copertura assicurativa;
  • Tenere sotto controllo la nostra posizione finanziaria nel suo complesso.

Quindi, la vera domanda è: cosa aspetti ad affidarti ad un Consulente Finanziario Indipendente?

Se vuoi vedere dove si trova quello più vicino a casa tua ti consiglio di guardare sul sito di Nafop (l’associazione di categoria), dove esiste una mappa interattiva in cui puoi fare una ricerca per Regione.

Lo sapevi che ho intervistato un Consulente Finanziario Indipendente su questo Blog? Leggi l’intervista.

Inoltre, se sei iscritto alla Newsletter puoi usufruire di un’ora di Consulenza GRATUITA! Le istruzioni si trovano nell’Area Riservata agli iscritti. Cosa stai aspettando?

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER E ACCEDI ALL’AREA RISERVATA

Lascia un commento